COMICO TEATRO 2016/17 | 21 ottobre – 21 gennaio | Dalmine (BG) – Teatro Civico

comico-teatro-2016_locandina_web

Ambaradan & Comune di Dalmine

presentano

COMICO TEATRO 2016/17

A Dalmine dal 21 ottobre al 21 gennaio

Tre serate con volti noti della comicità italiana alle prese con un rinnovamento del loro repertorio, alla ricerca di nuove forme espressive o nella sintesi del loro percorso artistico per un umorismo mai banale o scontato!

 

21 OTTOBRE venerdì ore 21:00
Max PISU – Claudio BATTA – Claudio MONETA – Giorgio VERDUCI – Roberta PETROZZI – Stefania PEPE
Il Rompiballe

Per un killer che deve uccidere dalla finestra di una camera d’albergo l’uomo politico che sta per fare rivelazioni sconvolgenti, cosa ci può essere di meno opportuno che un fotografo ‘rompiballe’ e con tendenze suicide nella stanza accanto? Soprattutto se le azioni maldestre del rompiballe fanno sì che le camere d’albergo vengano visitate continuamente da mogli esasperate, amanti aggressivi, cameriere impiccione, poliziotti maldestri, in un crescendo di divertimento.
Marco Rampoldi prosegue il percorso di incrocio fra l’immediatezza comunicativa dei comici e i testi teatrali strutturati, e, dopo la comicità british di Nudi e crudi, l’assurdo di Ionesco, la scrittura originale del Neurone Innamorato, l’happening interattivo di Forbici e follia, si avventura nel territorio della ‘farsa moderna’, rivisitando uno dei capolavori del ‘Neil Simon francese’, presentato in una nuova esilarante versione dell’autore, inedita in Italia.

con Max Pisu, Claudio Batta, Claudio Moneta, Giorgio Verduci, Roberta Petrozzi e Stefania Pepe
di Francis Veber
regia Marco Rampoldi
scene Marco Rossi
produzione CaNoRa associazione culturale e Duepunti s.r.l.

web | facebook | eventovideo

Dalmine TEATRO CIVICO via J. F. Kennedy, 3

INGRESSO 15 €

.

12 NOVEMBRE sabato ore 21:00
Debora VILLA
Sogno di una notte di mezza età

Cosa succede ad una donna quando raggiunge i nannaranannannanni? Cambia. Ma il cambiamento fisico, umorale, psicologico, non è graduale come è stato fino ad ora e come giustamente deve essere. NO. Fidatevi esiste un punto di svolta (detto simpaticamente: punto di non ritorno) nel quale vi ritrovate catapultate senza neanche avere avuto il tempo di dire: “Xanax”. Il corpo cede, la memoria vacilla, l’umore è come quello di Smigol quando gli rubano l’anello e questo quando siete in buona. Quando siete in versione negativa siete delle prepotenti che l’esorcista al vostro cospetto sembra un catechista. Il peggio è che a livello psicologico: diventate delle rocce. Non nel senso che vi sgretolate, no siete delle furie. Sapete chi siete, cosa volete, cosa non volete e tutte le piccole e grandi insicurezze che vi hanno accompagnate fino ad ora svaniscono. Tranquille, donne! Nel giro di una settimana avrete almeno una ventina di nuove paranoie che non saprete come gestire. Mille nuovi fastidi si affacceranno all’orizzonte. Ma soprattutto vi verrà la faccia come il c… Non in senso fisico, per fortuna quella vi cederà soltanto; no, è che direte tutto quello che vi passa per la testa, senza freni, senza inibizioni, libere!!! Si finalmente libere di fare figure di merda con il mondo intero. Allora forse è bene iniziare a fare terapia, magari di gruppo, magari ridendoci su. Io la faccio: funziona. Firmato Debora… Non mi ricordo il cognome

con Debora Villa
testi di Debora Villa, Giovanna Donini e Gianmarco Pozzo

web | facebook | twitter

Dalmine TEATRO CIVICO via J. F. Kennedy, 3

INGRESSO 15 €

. 

21 GENNAIO sabato ore 21:00
Raul CREMONA
Prestigi

Torna Raul Cremona: un po’ incantatore, un po’ attore, un po’ commediante, un po’ ciarlatano, ma soprattutto mago! Eccolo riapparire per raccontarci del suo primo incontro con la magia e il palcoscenico, portandoci per mano in un mondo fatto di giochi, macchiette, boutades, canzoni e stralunati personaggi con il suo cilindro pieno di magie e incanti, storie di imbroglioni e imbonitori nati da quel teatro povero di cui è figlio eccellente. Uno spettacolo che diventa un percorso a ritroso nella storia di Raul Cremona: la sua personalissima collezione di tutto ciò che apparteneva ai maghi di un tempo, tentativo magico di ricostruire il passato.
E quando il sipario cala, torna ancora una volta per regalarci un ultimo sorriso e rivelarsi per come lo conosciamo tutti: un moderno istrione.

di Raul Cremona
in scena Raul Cremona, Felipe
musiche originali suonate dal vivo da Omar Stellacci

web | facebook | twitter | video

Dalmine TEATRO CIVICO via J. F. Kennedy, 3

INGRESSO 15 €

INFO www.dalminecultura.bg.it | teatrocivico@comune.dalmine.bg.it

PRENOTAZIONI (consigliate) Tel. 035 564952 | da LUN a VEN (MER e VEN solo mattina)

DIREZIONE ARTISTICA Lorenzo Baronchelli – Ambaradan | Assessorato alla Cultura – Comune di Dalmine

download

COMICO TEATRO 2015/16 | 17 ottobre – 23 gennaio | Dalmine (BG) – Teatro Civico

CT2015_locandina

COMICO TEATRO 2015/16

A Dalmine dal 17 ottobre al 23 gennaio

Tre serate con volti noti della comicità italiana alle prese con un rinnovamento del loro repertorio, alla ricerca di nuove forme espressive o nella sintesi del loro percorso artistico per un umorismo mai banale o scontato!

 

17 OTTOBRE sabato ore 21:00
Michela ANDREOZZI
Maledetto Peter Pan

A metà tra commedia, stand-up e monologo, lo spettacolo nasce dall’idea di raccontare un dramma che tutti conoscono: le corna. Ma non corna qualsiasi, piuttosto quelle generate dalla pericolosissima “Crisi di Mezza Età”, conosciuta anche come “Sindrome di Peter Pan”, una temibile patologia che colpisce gli uomini giunti alle soglie dell’età matura che male accolgono il cambiamento, vissuto più come l’inizio della fine. La voce (rotta, disperata, cattiva ma sempre esilarante) della protagonista racconta tutte le fasi dell’Elaborazione del Lutto: la Depressione sul Divano, il Confronto con parenti ed amici (che naturalmente già sanno), la ricerca di un Ex Disponibile alla Consolazione, la feroce Autocritica che sfocia nella Flagellazione.
Cosa fa funzionare una Coppia? Perché alcuni restano insieme ed altri no? La Coppia continua a rimanere un mistero, un tema da aggiornare costantemente perché i ruoli, le abitudini e il linguaggio si evolvono. Maledetto Peter Pan riguarda in ultima analisi ognuno di noi: tutti, in un momento o in un altro , ci siamo rotti i denti su quella meravigliosa, devastante, irrinunciabile avventura chiamata Amore. E lo faremo ancora.

con Michela Andreozzi
di Michele Bernier e Marie Pascale Osterrieth (dal fumetto “Le Demon de midi” di Florence Cestac)
traduzione e adattamento Carlotta Clerici e Antonella Questa
regia Massimiliano Vado
produzione associazione culturale Cubatea

web | facebook | twitter

Dalmine TEATRO CIVICO via J. F. Kennedy, 3

INGRESSO 10 €

.

13 NOVEMBRE venerdì ore 21:00
Mister FOREST
Motel Forest – Magie, follie e peripezie di un mancato portiere di notte

Benvenuti al Motel Forest, più che un luogo materiale uno stato della mente, un porto franco dei sentimenti, un posto dove alle illusioni piacerebbe trasformarsi in realtà e dove tutto è permesso tranne che dormire. Oltre che dallo strampalato ragazzo dell’ascensore, rockstar mancata per incomprensioni col codice penale, e dal bizzarro responsabile della security, il Motel è ed è stato frequentato da pittoreschi
e stralunatii personaggi. Non tutti andandosene hanno saldato il conto ma in cambio hanno lasciato nel Motel preziosi cimeli e indelebili ricordi. Il titolare e padrone di casa, che ha dato
il suo nome al motel, è un surreale mago che durante il galà organizzato per la sua selezionata clientela userà la sua proverbiale abilità per affrontare i molteplici aspetti dell’esistenza. Cos’è un motel se non una perfetta metafora della vita, dove si arriva, si sosta, e poi si parte? E molta vita passa ed è passata nel Motel Forest, uno dei cui slogan è: “Noi non cambiamo le lenzuola, cambiamo la clientela”. Entrare qui sarà come visitare un museo dove le opere sono appese sulle pareti della mente, una mente a luce intermittente, proprio come quella dell’insegna del Motel Forest.

di e con Michele Foresta
scritto con Claudio Fois, Walter Fontana, Giò Tamborrino
musica dal vivo Lele Micò
produzione spettacoli ADR

web | facebook

Dalmine TEATRO CIVICO via J. F. Kennedy, 3

INGRESSO 10 €

. 

23 GENNAIO sabato ore 21:00
Silvana FALLISI
La morte balla sui tacchi a spillo

Perché non viene nessuno alla veglia di comare Vituzza? Perché tanta indifferenza? Donna Tanina, maestra e colonna della comunità, si interroga sulle possibili ragioni. Lei del resto di veglie non se ne perde nemmeno una. E mentre tenta di darsi una risposta, ripercorrendo la vita dissipata e misteriosa della povera defunta, ci fa ridere di gusto. Sullo sfondo la Sicilia degli anni Sessanta, terra affascinante e contraddittoria, in viaggio verso la modernità ma ancora pregna di tradizioni che condizionano la vita di tutti i giorni. Silvana Fallisi torna a teatro con un personaggio esilarante e dalle oscure passioni scritto per lei da Michela Tilli, autrice de La vita sospesa e Tutti tranne Giulia, storie tutte al femminile. A dirigerla ancora una volta Corrado Accordino.

con Silvana Fallisi
scritto da Michela Tilli con Corrado Accordino e Silvana Fallisi
regia Corrado Accordino
produzione Agidi srl

web | facebook | twitter

Dalmine TEATRO CIVICO via J. F. Kennedy, 3

INGRESSO 10 €

INFO www.dalminecultura.bg.it | teatrocivico@comune.dalmine.bg.it

PRENOTAZIONI (consigliate) Tel. 035 564952 | da LUN a VEN (MER e VEN solo mattina)

DIREZIONE ARTISTICA Lorenzo Baronchelli – Ambaradan | Assessorato alla Cultura – Comune di Dalmine

download

COMICO TEATRO 2014/15 | 18 ottobre – 24 gennaio | Dalmine (BG) – Teatro Civico

Comico Teatro 2014/2015 Locandina

COMICO TEATRO 2014/15

A Dalmine dal 18 ottobre al 24 gennaio

Tre serate con volti noti della comicità italiana alle prese con un rinnovamento del loro repertorio, alla ricerca di nuove forme espressive o nella sintesi del loro percorso artistico per un umorismo mai banale o scontato!

 

18 OTTOBRE sabato ore 21:00
Rita PELUSIO
Eva, diario di una costola

“E Dio creò la donna…”. Eva.
Sì, ma quale Eva? Rita Pelusio torna in scena per dare vita a una figura curiosa e ribelle che si affaccia al mondo con uno sguardo ancora puro, ispirata al “Diario di Eva” di Mark Twain. Eva è un clown, molto lontano dall’immagine della bella, bionda e ingenua a cui l’iconografia ci ha abituati. Un “fou” irriverente che si trova alle prese, prima della storia, con la più grande scelta dell’umanità: accettare le regole o disubbidire. Una trasgressione all’insegna della scoperta, di cui la mela è simbolo: morderla o non morderla? In un misto di consapevolezza e disincanto, Eva si chiede cosa succederà dopo, proiettandosi nella contemporaneità delle donne di oggi. Dalla suora in crisi mistica alla madre di figlio maschio, dalla manager multitasking all’anziana innamorata: umane nella loro imperfezione raccontano il coraggio di chi ogni giorno combatte per la propria felicità.
Perché la diversità manda avanti il mondo.
Perché il paradiso sarà pur perfetto, ma la vita è tutta un’altra cosa.

con Rita Pelusio
regia Marco Rampoldi
scritto con Alessandra Faiella, Marianna Stefanucci, Riccardo Piferi

web | facebook

Dalmine TEATRO CIVICO via J. F. Kennedy, 3

INGRESSO 10 €

.

15 NOVEMBRE sabato ore 21:00
Paolo HENDEL
Come truffare il prossimo e vivere felici

Dopo anni di impegno come giornalista televisivo, Carcarlo Pravettoni, l’industriale cinico e baro, non poteva farsi mancare il teatro. Ed eccolo quindi prendere la parola dai palcoscenici italiani per dispensare le sue ricette anti-crisi, elargire pillole di saggezza e insegnare al prossimo tutti i trucchi del mestiere per vivere bene e in pace con se stessi. Come truffare il prossimo e vivere felici è la guida indispensabile per uscire dalla recessione e affrontare le sfide della società globalizzata, per trovare preziose indicazioni su come arredare l’ufficio, scegliere la segretaria, educare i figli, legittimi e no, e licenziare i propri dipendenti.
Più “culturalmente impegnato” di quando, anni fa, fece il suo esordio a Mai dire gol, Pravettoni terrà anche lezioni di letteratura e di alta finanza, a modo suo. Insieme a lui essere disonesti non è mai stato così divertente!

scritto da Paolo Hendel, Francesco Borgonovo e Marco Vicari
con Paolo Hendel e Carcarlo Pravettoni
musica dal vivo con Ranieri Sessa alla chitarra

web | facebook | twitter

Dalmine TEATRO CIVICO via J. F. Kennedy, 3

INGRESSO 10 €

. 

24 GENNAIO sabato ore 21:00
MICROBAND
Classica “for Dummies”

Dopo un corteggiamento lungo quanto la sua strepitosa carriera, Microband decide infine di dedicare un intero spettacolo alla musica classica, e lo fa alla sua maniera, con le sue irresistibili gags, le sue magiche invenzioni, e quella vena di comica follia che tanto li ha fatti apprezzare dai pubblici dei teatri europei e da quello dei più prestigiosi Festival internazionali. Musica classica ” for Dummies”, o meglio, per “scriteriati”, perché nulla è ortodosso in Microband : Luca Domenicali e Danilo Maggio giocano con gli strumenti, li confondono, li mescolano, in un contagio sorprendente e virtuoso; eppure in tanta bizzarria e in tanta abile confusione i brani dei grandi autori acquistano nuova vita e ne escono magicamente esaltati. Chopin, Brahms, Paganini, Bizet, Rossini, Handel, Mozart, Bach, Ravel, Beethoven, Verdi e tanti tra gli autori delle musiche più clamorosamente belle di tutti i tempi, vengono riproposti per scandalizzare, ma anche per incantare l’esigente pubblico della ‘Classica’. Un’esilarante rilettura che ci viene offerta da questi due funamboli del pentagramma per festeggiare i loro 30 anni di carriera!

di e con Luca Domenicali e Danilo Maggio

web | facebook

Dalmine TEATRO CIVICO via J. F. Kennedy, 3

INGRESSO 10 €

INFO www.dalminecultura.bg.it | teatrocivico@comune.dalmine.bg.it

PRENOTAZIONI (consigliate) Tel. 035 564952 | da LUN a VEN (MER e VEN solo mattina)

DIREZIONE ARTISTICA Lorenzo Baronchelli – Ambaradan | Assessorato alla Cultura – Comune di Dalmine

download

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: